Aliverta mette a Rossini il ciuffo di Trump

Pierachille Dolfini

Una rilettura pop per L’italiana in Algeri di VoceallOpera dove Mustafà assomiglia al tycoon e Isabella alla Fallaci Ritmo rossiniano doc nella direzione di Marco Alibrando

Mustafà in versione Trump ancora mancava. Il Mustafà dell’Italiana in Algeri di Gioachino Rossini. Fatta e rifatta in tutte le salse, portata al tempo della crisi mediorientale, collocata sullo sfondo della corsa al petrolio – da Ugo Gregoretti a Ken Russel a Davide Livermore si sono viste le più originali e stravaganti letture. Riletture autorizzate da quella follia organizzata che è la partitura che il musicista di Pesaro scrisse per Venezia nel 1813 a ventun’anni. Ideale per il tempo di carnevale in cui le regole sociali vengono sovvertite e l’irrazionalità prende il potere. Ci sono genio e follia nella musica vorticosa dell’Italiana. E c’è, come sempre in Rossini, un sorriso che sa essere anche amaro perché guarda con disincanto alla realtà. Realtà dalla quale era partito Angelo Anelli per il suo libretto (dove non manca un riferimento massonico nel modo in cui è raccontato il rito di affiliazione ai Pappataci di Mustafà), il rapimento nel 1805 da parte dei corsari di Antonietta Frapolli, signora milanese portata nell’harem del Bey di Algeri e poi ritornata in Italia.

Realtà, o storia, che nell’allestimento di Gianmaria Aliverta per la sua associazione VoceAllOpera allo SpazioTeatro89 di Milano va in corto circuito. Perché l’Italiana Isabella che si presenta nell’harem di un Mustafà con il ciuffo biondo alla Trump (pare sia il suo idolo, il modello di politico cui si ispira) ha caschetto, occhiali, foulard, sigaretta e macchina da scrivere di Oriana Fallaci. Arrivata ad Algeri (insieme al segretario ipocondriaco Taddeo) non perché rapita dai pirati, ma per una delle sue interviste ai grandi della terra da Arafat a Gheddafi. Parte da qui la lettura di Aliverta che nella dimensione di VoceAllOpera, laboratorio che scopre talenti realizzando spettacolo low cost, ritrova sempre la sua dimensione ideale, libera da vincoli e convenzioni dei palcoscenici lirici. La fantasia si scatena e così la Fallaci e Trump possono trovarsi (la giornalista de La rabbia e l’orgoglio è morta nel 2006 quando l’ascesa politica del magnate era ancora un miraggio) in un’Algeri da fantasia. Una suggestione che dura il tempo dell’aria di Isabella Cruda sorte per poi lasciare il posto alla follia organizzata dell’allestimento di Aliverta che asseconda la musica di Rossini, la cavalca e la porta a eccessi comici impensati.

Tutto avviene nell’harem di Mustafà, dove si incrociano personaggi stravaganti, donne in burqa, uomini in mimetica, ragazzi vestiti da odalisca: un cubo che si apre a evocare un harem con archi rosa e azzurri (gender rispettato) la scena essenziale disegnata da Danilo Coppola immersa in un orizzonte nero su cui si stagliano i colorati costumi di Sara Marcucci – tanti burqa camouflage, flou e a quadrettoni da tovaglia di osteria. Tutto è pop, tutto è in stile camp, un po’ parata del pride (come accadeva già in Cenerentola, sempre Rossini, che Aliverta aveva trasportato nel mondo delle sfilate di moda), un po’ trash italiano. Ma non solo. Eccesso al potere con siparietti da comiche del cinema muto che fanno ridere di gusto il pubblico. E il Bey in versione tycoon, è anche un po’ un personaggio del mondo dello spettacolo, verrebbe da dire della rivista a vederlo nel suo doppiopetto rosso – la Fallaci, d’altra parte, intervistò anche Federico Fellini e Totò quindi tutto ci può stare.

Così, in una cornice tra il musical e il fumetto, ci stanno i coristi (maschi) in burqa, ci sta la Isabella/Fallaci che smette i panni di giornalista per indossare la mimetica, ci sta Lindoro in tuta arancione da prigioniero tenuto in catene da Mustafà. E ci sta un Taddeo (molto) gayfriendly che prima si disinfetta perennemente con salviettine umidificate e amuchina (l’allarme coronavirus non era ancora scoppiato così drammaticamente) per poi calarsi perfettamente nel mood algerino ballando la lap dance con movimenti sinuosi (Alfonso Ciulla oltre che lezioni di canto ha fatto anche scuola di danza) da fare invidia a qualsiasi professionista delle acrobazie al palo o ai twerk dell’Elettra Lamborghini di turno.

La regia è dell’Aliverta, quindi inconfondibile

Alberto Mattioli La Stampa

Una Carmen tascabile, chiaramente ispirata a quella di Peter Brook. Questa volta la regia è dell’Aliverta, quindi inconfondibile. Per definire i luoghi servono la carcassa di una Cinquecento e un chiringuito; per i personaggi, meno ancora: Carmen diventa una meccanica Anni Cinquanta, prima annoiata in tuta e poi panterona in zatteroni; Escamillo un venditore ambulante di salsicce con il suo triciclo a pedali, mentre José risulta al solito il più imbranato, ma stavolta è un imbranato fisicato in canotta. La riduzione drammaturgica rimpicciolisce l’opera ma non la tradisce; più che un bignami di Carmen, è un suo distillato, Carmen come archetipo di donna. Qui si potrebbe obiettare che non è questo il vero tema dell’opera, il cui soggetto è in realtà la libertà. L’importante è però che funzioni, e funziona benissimo, con la giusta dose di ironia e una regia molto «fisica» che trasforma il palcoscenico (che poi non c’è) in un ring attorno al quale si riunisce un pubblico un po’ guardone e un po’ avido di emozioni forti che gli vengono puntualmente servite, specie nel duetto finale, mozzafiato.  

Rosate (Milano), Cascina Paù – Carmen

Fabio Larovere Connessi all’opera 

Gianmaria Aliverta, regista e dominus di VoceAllOpera, per la sua nuova incursione nel melodramma fatto di pochi mezzi ma tanta creatività ed entusiasmo. Nella bucolica cornice di Cascina Paù a Rosate (Milano), un folto pubblico ha così potuto assistere a una singolare riduzione di Carmen, curata dallo stesso Aliverta, che in settanta minuti di musica riusciva nell’intento di mantenere chiara la trama dell’opera, salvaguardando al contempo i momenti chiave della magnifica partitura.

L’appuntamento, ormai immancabile per gli appassionati di Rosate e dintorni, si deve a un concorso di provvidenziali fattori, che insieme compongono l’immagine di un’Italia che ci piace molto e che talvolta, colpevolmente, dimentichiamo che esiste. Anzitutto, ci sono Aliverta e la sua squadra, fatta di giovani e giovanissimi professionisti, disposti a mettere l’anima in quello che fanno, indipendentemente dai mezzi a disposizione.

Rigoletto in parrucca e tacchi pitonati tra baby-prostitute, coca e peluche: lo scandalo di Verdi pare la Milano da bere (e anche quella di oggi)

Beatrice Manca Il Fatto Quotidiano

Alla corte del Duca di Mantova la notte è sempre festa: ragazze bendate che aspettano nelle alcove, baby-escort con i codini, calze e colletti bianchi, pronte per essere spogliate da uomini mascherati. Tutto sotto l’occhio vigile della mezzana, un travestito che troneggia in abito lilla e frustino. Gianmaria Aliverta, regista enfant prodige di VoceAllOpera, dipinge così il suo Rigoletto: un travestito che – tacchi pitonati, parrucca a caschetto, chemisier violacea – procaccia le donne per il divertimento del Duca e dei suoi cortigiani. E la sorte ha voluto che la cronaca di queste ore (pure drammatica) rivitalizzasse la modernità di una delle opere più amate di Giuseppe Verdi. Tutto – come è nel dna della compagnia – allestito allo Spazio Teatro 89 di Milano con piccolo budget, grandi intuizioni e cantanti giovanissimi. La missione è quella di portare l’opera a tutti, fino alla periferia. Periferia-periferia: il teatro è incastonato tra una bocciofila e un bar. Eppure è tutto esaurito e il pubblico ringrazia con generosità: applausi a scena aperta, ovazioni finali. Domani, 17 marzo, la replica.

Mantova, in questo Rigoletto, sembra un po’ la Milano da bere degli anni Ottanta, con i suoi arrembanti finanzieri in doppiopetto. O, visto che parliamo di una compagnia più o meno under35, la Milano-sushi-e-coca di Myss Keta: sul palco non c’è il sushi, ma la coca sì. E le donne, tantissime donne, perché Questa o quella, dice da un secolo e mezzo il Duca, per me pari sono. Ed è Rigoletto – il deforme, il buffone Rigoletto, in bilico sulle scarpe col tacco – a spingerle nel suo letto. Tutte tranne sua figlia Gilda, che tiene sotto chiave per proteggerla dagli appetiti voraci che lui conosce bene perché contribuisce a sfamare. Gilda (una straordinaria Sabrina Sanza, classe 1996) vive in una cameretta che è il suo castello e la sua prigione: è un’adolescente rimasta bambina, con il crocefisso arrotolato al polso, le scarpe da tennis rosa e l’album dei ricordi sotto il cuscino. Per lei – l’unica stilla d’amore della sua vita – Rigoletto smette i panni della maitresse velenosa per tornare uomo e padre amorevole. Ma il troppo amore non è protezione, è prigionia: Rigoletto non può salvarla dalle mire del Duca, che la guarda come il lupo cattivo delle fiabe. Non può salvarla nemmeno dal branco di cani affamati dei cortigiani, che per fargli un torto decidono di rapirgli l’amante che tiene in casa. Nessuna amante: è Gilda, la sua bambina ancora non cresciuta. Ma chi mai penserebbe che un travestito, dileggiato e disprezzato da tutti, possa aver concepito una figlia?

Rigoletto tutto sesso, droga e Verdi non solo funziona bene, ma è fra i più autenticamente verdiani visti negli ultimi anni

Alberto Mattioli La Stampa

Passerà nel lungo catalogo delle malefatte registiche come «il Rigoletto trans», e già pregustiamo la solita litania dei commenti prêt-à-penser sui social, da «se questi registi vogliono cambiare le opere se le scrivano loro» a «l’importante è la musica», fino ovviamente al più lapidario di tutti, «povero Verdi!».

Poveri noi. Allora, per raccontare cos’è e com’è il Rigoletto di VoceAllOpera e del suo presidente-demiurgo-regista-anima, il folle genietto Gianmaria Aliverta, ieri sera allo SpazioTeatro89, bisogna fare un po’ di chiarezza. Intanto, questo Rigoletto non è un trans, ma un travestito: un uomo che si veste da donna per far ridere la corte di depravati nella quale vive e procacciare nuove escort al Duca che la domina. Non è per nulla gratuito o, come si dice in cretinese, «provocatorio». Tutto il personaggio di Rigoletto è costruito sulla sua doppiezza: «serpente» (dice Verdi per interposto Monterone) in pubblico e padre affettuoso in privato, aggressivo in casa del Duca e amorevole nella sua. La gobba non è che un simbolo: solo che «il gobbo che canta» di cui si era innamorato Verdi poteva scandalizzare il pubblico dell’Ottocento, insieme con le prostitute, i sicari, il sacco, il Duca porcellone e quant’altro oggi non ci scandalizza più.

Bisogna quindi rendere lo choc di Rigoletto. Ecco quindi che la sua deformità fisica, specchio di quella morale, diventa il travestitismo. E qui siamo subito colpiti e affondati, perché, per quanto blasé possiamo essere, ancora ci colpisce e ci turba che papà porti il caschetto e i tacchi. Allo stesso modo, l’«orgia» (sempre Verdi, e sempre via Monterone) del primo atto tale dev’essere, via, siamo adulti e vaccinati, andiamo al cinema, guardiamo la tivù o, peggio, Internet. E allora vai con concretissimi atti sessuali, nuvole di cocaina sniffata direttamente addosso alla fanciulla di turno (a giudicare dagli sbuffi, perfino troppa, con quel che costa, poi…), cortigiani-maiali con maschere da porco sulla faccia.

Per fare Rigoletto basta davvero pochissimo: un letto, un po’ di palloncini (non c’è regia di Aliverta se non c’è un palloncino, tipo Pizzi con le piume, sarà qualche trauma infantile), un po’ di calcinacci per la periferia delabré del terzo atto. Gilda vive in un mondo tutto rosa da bambinona mai cresciuta, rosa le scarpe da ginnastica, il rosario al polso, la coperta del letto, esibendo l’album con le foto della mamma morto e l’orsacchiotto. E qui, ammettiamolo, nel primo duettone con Rigoletto si è un po’ sbuffato: ancora una Gilda con il teddy bear del suo cuore? Poi, al secondo atto, ri-ammettiamolo, Aliverta ci ha fregato ancora una volta con la sua capacità di ribaltare le situazioni e rendere eversivi i luoghi comuni, quando il Duca viene a cantare la sua insincera aria d’amore abbracciato a un altro orsacchiotto, stavolta formato XXL. Le idee, come si vede, non mancano. Di conseguenza, questo Rigoletto tutto sesso, droga e Verdi non solo funziona bene, ma è fra i più autenticamente verdiani visti negli ultimi anni. Anche (o forse soprattutto) se è fatto con niente, a parte l’intelligenza che è gratis.

Gianni Schicchi, Puccini in versione Bagaglino

Pierachille Dolfini

Renzi e Berlusconi a Porta a porta nella nuova regia di Aliverta che immagina il personaggio di Dante tra i politici di oggi

Anche se il regista, che è Gianmaria Aliverta, dice di no, il Gianni Schicchi andato in scena sull’aia della casina Paù di Rosate (località agricola a sud ovest di Milano dove, in una sorta di festa campestre, da cinque anni a inizio giugno, la lirica esce dal teatro per avvicinare chi, magari, i teatri non li frequenta) è uno spettacolo politico. E non (solo) perché, sullo stile del Bagaglino e degli indimenticati spettacoli tv targati Pingitore con Pippo Franco, Oreste Lionello e Leo Gullotta, mette in scena politici di oggi (e qualcuno di ieri vista la rivoluzione uscita dalle urne il 4 marzo). È politico come lo è tutta la satira. È politico nell’intuizione di un Gianni Schicchi, personaggio che Dante ha messo all’Inferno, con le fattezze di Matteo Renzi, rottamatore e innovatore di una certa stagione politica italiana che, nella beffa per riscrivere il testamento di Buoso Donati, si traveste da Silvio Berlusconi.

Critica feroce, analisi politico/sociologica fatta con il sorriso di una stortura che i commentatori di quotidiani e salotti tv (ma anche gli esponenti di minoranze di sinistra e i fuoriusciti democratici) hanno sottolineato in questi anni caratterizzati dal renzismo. Ovvero la sostanziale affinità (diremmo somiglianza impressionante) dal Patto del Nazareno in poi delle politiche e delle istanze dell’ex premier ed ex segretario del Pd con l’ex cavaliere ed ex leader del centrodestra.

Tutti ex, verso i quali scatta una sorta di tenera compassione. Anche nella regia di Aliverta che strappa risate sonore durante tutto l’atto unico, Gianni Schicchi, appunto, culmine del capolavoro datato 1918 di Giacomo Puccini, quel Trittico che è una riflessione sulla morte, ma anche sulla vita che, nonostante tutto, ricomincia. Risate perché sul palco ci sono caricature dei nostri politici che Aliverta, tramontata la stella di Berlusconi/Buoso, vede orfani di un vero leader nel bene e nel male, da appoggiare o da contrastare: così  Rosy Bindi/Zita e Pierluigi Bersani non hanno più nessuno contro il quale scagliarsi, Giorgia Meloni/Nella e Daniela Santanché/Ciesca non sanno più a chi fare riferimento mentre Matteo Salvini/Gherardo con la sua felpa con la scritta Milano è pronto per la scalata alla leadership una volta fatto fuori Brunetta/Gherardino – e anche qui feroce l’ironia di immaginare il piccolo di casa Donati come l’esponente di Forza Italia.

Così il Contratto con gli italiani in cinque punti diventa il testamento di Berlusconi/Buoso che lascia tutto al San Raffaele (nel libretto di Giovacchino Forzano i beneficiari sono i frati). E la messinscena della dettatura del finto testamento, per mettere d’accordo i parenti/politici sull’eredità avviene nello studio di Porta a porta (con tanto di Mariano Apicella a schitarrare) con Bruno Vespa/notaio e Renzi/Schicchi che si traverse da Berlusconi con bandana in testa e occhiali da sole. Così che non si capisce bene di chi sia opera, se di Renzi o Belusconi, la beffa finale che fa infuriare i parenti/politici e trionfare l’amore di Rinuccio e Lauretta – lui abbigliato come Alessandro Di Battista e lei come Maria Elena Boschi che cantando O mio babbino caro non può non far pensare alle note vicende giudiziarie legate alle banche.

Spettacolo visivamente di impatto pur nell’essenzialità dei mezzi con scene riciclate e reinventate (gli stessi cubi usati da Aliverta nella rossiniana Cenerentola, realizzati dai ragazzi delal fondazione Castellini di melegnano) e costumi azzeccatissimi di Francesco Bondì (il tailleur della Bindi o l’abito verde brillante che la Santanché sfoggiò a una prima della Scala). Regia molto presente sul testo e sulla musica suonata alla tastiera da Debora Mori e restituita nella sua meccanica e millimetrica puntualità da un gruppo di giovani interpreti scovati alle audizioni di VoceAllOpera: tra loro Luca Vianello brillante Schicchi, Gesua Gallifoco delicata Lauretta, Antonio Mandrillo squillante Rinuccio mentre dal coro dei parenti/politici emergono il bel timbro tenorile di Maurizio De Valerio, la spigliatezza di Francesca Mercuriali e la caricaturalità di Elena Caccamo e Giovanni Tiralongo.

Le Villi – Ballate e romanze & Gianni Schicchi

Danilo Boaretto Operaclick

Se dovessimo sintetizzare in tre aggettivi le nostre impressioni circa la lettura registica di “Gianni Schicchi” scaturita dalla mente di Gianmaria Aliverta ed alla quale abbiamo assistito sabato sera presso lo Spazio Teatro 89 a Milano, potremmo definirla geniale, originale ed esilarante.

Un’ora di spettacolo in cui il pubblico si è divertito di gusto nel vedere trasformato il defunto Buoso Donati in Silvio Berlusconi e di conseguenza, i suoi naturali ed aspiranti eredi, nei volti più noti della politica nostrana degli ultimi vent’anni.

Che Buoso Donati avesse le sembianze del celebre Cavaliere d’Arcore lo si è intuito subito dalle innumerevoli foto distribuite sugli scaffali della scenografia che ricostruiva le librerie che abbiamo visto spesso nelle dirette in cui il Berlusca lanciava i suoi videomessaggi. Le risate del pubblico non hanno tardato a farsi sentire nel momento in cui sono comparsi i molti personaggi previsti da questo gioiellino pucciniano perfettamente truccati da Bindi, Di Battista, Salvini, Meloni, Alfano, Bersani, Boschi, Toninelli, Santanchè fra i quali non poteva mancare il Gherardino impersonato dal piccolo (non solo di statura essendo un bambino) Antonio Travaglini, per l’occasione uno spassosissimo Brunetta.

Oltre al curatissimo trucco quello che ha fatto davvero la differenza è stata l’attenzione con cui ogni personaggio è stato studiato, recitato ed imitato nei movimenti, negli atteggiamenti ed anche negli eventuali tic, ovviamente tutti accentuati tanto da farne delle simpaticissime caricature. La Meloni che strabuzzava gli occhi, Bersani con il perenne sigaro tra le dita, Salvini un po’ truzzo ed esagitato nei movimenti, Alfano con lo sguardo corrucciato, la Bindi bacchettona, la Santanchè volgarotta, la Boschi gnocca, Toninelli dallo sguardo perso e costantemente ilare, Di Battista sempliciotto.

Luca Vianello nel ruolo di Matteo Renzi/Gianni Schicchi ci ha colpito per le non comuni doti di caratterista. La voce di questo baritono è ben proiettata ed a fuoco sino al passaggio mentre tende ad arretrare un pochino sulle note più acute; se riuscisse a migliorare un po’ questo aspetto così da rendere più omogenea l’emissione avrebbe tutte le carte in regola per far suoi i più importanti ruoli da baritono brillante. Ad ogni modo strepitoso è stato il modo con cui ha evidenziato l’accento toscano e i dentini a castorino tipici dell’ex Premier toscano ed altrettanto spassoso quando ha dovuto trasformarsi in Buoso Donati e quindi prendere le sembianze di Berlusconi con tanto di bandana ed accentuata cadenza milanese.

Uno dei momenti più divertenti dello spettacolo è stato quando gli eredi hanno trovato il testamento di Donati e l’hanno srotolato lasciando apparire il notissimo contratto con gli italiani di berlusconiana memoria. Ma altrettanto riusciti sono stati i camei costruiti intorno alla figura del Maestro Spinelloccio e del notaio. Il primo appare con le sembianze di Romano Prodi ed è bravo Giovanni Tiralongo nel caricaturare il professore bolognese con il suo mellifluo parlato, ponendo l’accento sulla strepitosa frase finale “Non ho delle pretese, il merito l’è tutto della scuola bolognese!” che ha lo stesso effetto della classica ciliegina sulla torta. Lo stesso Tiralongo è altrettanto bravo nel variare il suo trucco ed a trasformarsi, nel momento della dettatura del testamento, nel notaio che in questo caso è Bruno Vespa. La scena è stata completata trasformando la casa di Donati nello studio televisivo di Porta a Porta e portando, come ospiti, Apicella/Pinellino con l’inseparabile chitarra e Lele Mora /Guccio, rispettivamente Gabriele Faccialà e Stefano Pozzi (sostituito nella recita di domenica da Andrea Merli).

Berlusconi Renzi Salvini Di Battista i protagonisti del Gianni Schicchi sono politici tutti da ridere

Gianni Schicchi | novembre 2018
Diego Pretini Il fatto quotidiano

Un’opera comica in un atto che Aliverta spintona con grazia fino a farla rotolare ai giorni nostri, cioè oltre settecento anni dopo l’epoca in cui è ambientata (cioè un po’ prima del Trecento). La trama è quella di un intrigo: gli stratagemmi che Gianni Schicchi – fiorentino acuto, astuto, svelto di sguardo e pieno di spirito – si deve inventare per aiutare i familiari del riccone Buoso Donati che è morto lasciando tutto in eredità non a loro bensì a un convento di frati. Schicchi, Donati, i parenti e tutti gli altri compongono la variopinta batteria di personaggi politici o simili, visto che c’è spazio anche per qualche comparsata di Lele Mora (senza pretese di direzioni di giornali comunisti) e di Apicella (ma senza chella canzone di quei celeberrimi eppure improbabili duetti a Villa Certosa).

Dunque: chi sarà il fiorentino astuto che viene dalla cosiddetta gente nova che con la burla rottama la vecchia? Chi sarà il riccone che non sembra mai uscire davvero dalla scena? Chi poteva assumere il compito di Lauretta (interpretata da Gesua Gallifoco, classe 1996) se non Maria Elena Boschi, tanto più che l’aria più celebre dell’opera (la sua) comincia – guarda il caso – con O mio babbino caro?

E, infine, poiché la lirica è magia, trascina lontano il pensiero, in un mondo onirico, riporta davanti agli occhi perfino ciò che non esiste più, comprese le storie di un tempo molto molto lontano, in scena si ritroverà nientemeno che Angelino Alfano che prima di scomparire nel nulla come un illusionista è stato uno dei ministri più longevi della storia della Repubblica.

A una cosa non possono arrivare invece neanche la lirica, il teatro, l’arte. Cioè a stravolgere completamente il finale: quello di Schicchi è un trionfo (sia pure con l’inganno), quello del suo epigono nella realtà appare a tutti (tranne che a lui) senza speranza.

Danilo Boaretto su Operaclick

IL BARBIERE DI SIVIGLIA

Gianmaria Aliverta, regista e deus ex machina di VoceAllOpera, è un giovane adulto con il fanciullino di pascoliana memoria ben vivo, vegeto e vivace dentro sé. Ed è proprio la voglia di divertirsi inventandosi i propri giochi, con quella fantasia che spesso hanno solamente i bambini, ad aver fatto sino ad oggi la differenza. Nelle sue regie del repertorio operistico buffo (Elisir, i due Barbieri di Rossini e Paisiello) è evidente in primis la voglia di divertirsi e questa è una caratteristica contagiosa: si divertono palesemente gli artisti e di conseguenza se la spassa allegramente il pubblico.”

Rosate (MI) – Cascina Paù: Barbiere di Siviglia

Divenuto ormai appuntamento fisso ad ogni inizio primavera e sempre nel ricordo di Francesco, le produzioni di punta di VoceAllOpera, “migrano” in cascina.

Grazie all’”Angelo Custode” di questa giovane e volonterosa associazione, Dottoressa Maria Candida Morosini, che apre la sua proprietà di Cascina Paù nei pressi di Rosate (MI), anche quest’anno Gianmaria Aliverta ha avuto l’occasione di traslocarvi il “Barbiere di Siviglia” di Giovanni Paisiello già andato in scena allo Spazio Teatro 89 di Milano e già recensito su questa testata nel febbraio scorso.

Continua a leggere